martedì 11 agosto 2015

Uova, prosciutto e formaggio

Uno spuntino rivisitato, Oppure la versione italiana di quella che potrebbe essere una english breakfast. Però con ingredienti tutti italiani e di grande qualità. In questi giorni devo impegnarmi a svuotare il frigorifero riducendo al minino gli sprechi. Non sono bravissimo in questo ma ieri sera ho decisamente sorpassato le aspettative. Volevo preparare delle uova in camicia con una salsa di formaggio e chips di prosciutto. Poi le uova in camicia non son venute esattamente come avrei voluto, per cui ho optato per una fonduta, da accompagnare con delle trecce croccanti al finocchio selvatico. Una bomba di sapori, Come quasi tutte le ricette del riciclo le dosi non sono precise. Ma il procedimento è semplicissimo e anche se doveste abbondare o scarseggiare con qualche ingrediente, il risultato sarebbe comunque soddisfacente.



Ingredienti:

  • 1 uovo;
  • 50 gr di pecorino (io ho usato due fette di formaggio e non quello grattugiato, che va benissimo);
  • 1 noce di burro;
  • 2 fette di prosciutto crudo;
  • 1 bicchiere latte;
  • 1 cucchiaino di aceto;
  • sale;
Cominciamo subito col preparare l'uovo in camicia. In un pentolino stretto e alto mettete a bollire dell'acqua salata e acidulata con l'aceto. Rompete poi un uovo in un bicchiere, Quando l'acqua è quasi arrivata ad ebollizione, creare con un mestolo un vortice all'interno del pentolino. Versate velocemente e a filo d'acqua, l'uovo nell'occhio del voeritce. La forza centripeta del vortice farà in modo che la chiara dell'uovo si arrotili attorno al tuorlo creando una "camicia". L'aceto è un ottimo enzima per questa trasformazione. Non abbondate o l'uovo risulterà acido. Passati 40-50 secondi, recuperate l'uovo con una ramina. 
Per la fonduta di pecorino, fate sciogliere a fuoco bassissimo una noce di burro in un pentolino e aggiungete il formaggio tagliato a cubetti piccoli o grattugiato. Aggiungete un bicchiere di latte scarso e sempre a fuoco bassissimo cominciate a mescolare per far sciogliere il formaggio. Le fondute vanno sempre preparate a fuoco basso perchè uno shock termico farebbe slegare la vostra salsa. Una volta addensata la fonduta e sciolto tutto il formaggio spegnete il fuoco e lasciate raffreddare, Più la lasciate riposare e più la fonduta si solidificherà. 
Per le chips di prosciutto vi basterà tagliare a listarelle due fette di crudo e lasciarle arricciare in una padella antiaderente calda, come fareste per il bacon. 
Servite la vostra fonduta con del pane caldo o come ho fatto io con grissini aromatizzati. Rompete l'uovo all'interno della crema di formaggio e mescolate tutto insime...una goduria.

Altra canzone estiva che mi piace molto è questa degli Years and Years. Un gruppo di ragazzetti molto talentuosi e promettenti, che purtroppo però sta prendendo una piega da Teen Idol da classifica.

Years and Years - King

lunedì 10 agosto 2015

Risotto al pomodoro e burrata con tartare di tonno rosso

Mentre mi abbrustolivo in piscina ho avuto una illuminazione culinaria. Mi succede spesso!:)
Come potevo riciclare un avanzo di burrata, un avanzo di tonno rosso e dei pomodorini ormai arrivati? Con un bel risottino? Nooo...troppo caldo! Poi arrivò il diluvio universale e le prospettive cambiarono! E mentre Ziggy affogava tra la pioggia e la grandine di Agosto, io ho fatto iul mio risottino.




Ingredienti:

  • 1 tazzina di caffè di riso carnaroli;
  • 1 cucchiaio di burrata;
  • 50 gr di tonno rosso;
  • 100 gr di pomodorini;
  • brodo di pesce;
  • 1 cipollotto bianco fresco;
  • olio EVO;
  • sale rosa grosso;
  • timo limone;
  • 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro;
  • sale;
Cominciamo con il tagliare il tonno a cubetti piccolissimo per la tartare. Condite con un cucchio di olio evo e qualche grano di sale grosso rosa. Laciate marinare. 
Fate sbollentare i pomodorini in acqua bollente salata. Passateli in un passaverdure per ottenere solo il succo e tenetelo da parte. Nel frattempo preparate anche un fumetto di pesce, con un ottimo dado di pesce. Se aveste degli avanzi di lische e teste di pesce sarebbe meglio, ma vi concedo pure il dado!
Tagliate il cipollotto sottilissimo e fatelo rosolare in una padella antiaderente con un filo di olio. Aggiungete ora il riso e lasciatelo tostare per 2 minuti a fuoco medio. Sfumate con il succo di pomodoro e poi con il brodo. Quando mancano 2 minuti al termine della cottura, aggiungete l'ultimo mezzo colino di brodo, il concentrato di pomodoro e la burrata. Aggiustate di sale e spegnete il fuco e mantecate all'onda. Aggiungete del timo limone fresco e lasciate riposare qualche secondo il risotto. Impiattate in un piatto fondo abbastanza largo e disponete sopra il risotto una quenelle di tartare di tonno. Spolverate ancora con qualche fogliolina di timo. Il vostro risottino di pesce espresso è pronto. Un tripudio di rosso!

Questa è una chicca del country pop americano. Lei mi sta ampianente sulle p.... e secondo me è pure sgolata, ma l'arrangiamento del pezzo è molto carino. E con un risotto rosso così non potevo abbinare che una canzone di un album che si chiama "RED" e ha venduto milioni di dischi.

Taylor Swift - I knew you were trouble

venerdì 7 agosto 2015

Gratin di cernia

Ultimamente mi sono un  po' fissato con le granitanute....gratinerei un po' tutto. Sarà perchè mi piace il pane grattugiato o forse sarà perchè ho un giardino pieno di erbette aromatiche, Ho comprato dei bellissimi filetti di cernia che volevo mangiare cruda, ma tra un impegno e un altro sono stato costretto a congelarla per troppo tempo e non potevo più farne un sashimi. Ho quindi deciso di preparare un piccolo gratin di pesce. Velocissimo, economico e di una soddisfazione unica. Sopratutto aggiungendo un tocco che ho rubato alla mia vicina di casa. Una salsina di olio menta e prezzemolo.


Ingredienti:
  • 4 filetti di cernia;
  • 250 gr di pane grattugiato;
  • 1 mazzetto aromatico (timo, origano fresco, menta, prezzemolo);
  • 1 spicchio di aglio;
  • olio EVO;
  • sale;
Ungete una piccola placca da forno e diponete i filetti di cernia. Salate leggermente. Non eccedete perchè poi saleremo anche il pane. In un mixer frullate il pane grattugiato con un bel mazzetto aromatico, composto da foglie di origano, timo, menta e prezzemolo, Frullatelo a scatti in modo che il calore delle lame che ruotano non cuociano le erbette. Aggiungete un bel filo di olio abbonante e frullate nuovamente. Ricoprite il pesce di pane a creare una crosta e infornate per 10-15 minuti a 170 gradi, forno preriscaldato e statico. Mentre il pesce cuoce, preparate una salsina frullando due o tre cucchiai di olio con 1 pezzettino piccolo di aglio, foglioline di menta e di prezzemolo. La salsina non deve essere omogenea. E' bello che si vedano i pezzetti di foglie. A vostro piacimento potete farla anche con il mortaio. Una volta cotta la cernia e dorata la crosta di pane, servite il pesce con la salsina, per accentuare ancora di più il profumo aromatico. Buono come una grigliata di pesce al ristorante...forse di più.

Continua la rassgna dei pezzi che preferisco di questa estate! Lei è davvero !fantastica", sin dai tempi di "Siamo tutti la fuori" e di "Mai più noi due". E anche questa estate ha tirato fuori un pezzone figo e diverso dal solito pop italico.

Dolcenera - Fantastica


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pagina Facebook