domenica 31 gennaio 2016

Filetto al pepe rosa

Forse più anni '80 del filetto al pepe rosa ci sono solo il cocktail di gamberi in salsa rosa e la rucola. Ma quanto è buono...Se fatto bene, è uno di quei piatti certezza!!Una garanzia! Certamente non è un piatto light. La difficoltà sta nel sigillare bene la carne subito, aggiungere la giusto mix di panna, pomodoro e cognac e non stracuocere la carne.



Ingredienti:

  • 2 medaglioni di filetto di manzo;
  • 100 ml di panna;
  • 1 cucchiaio di pepe rosa in grani in salamoia;
  • una punta di cucchiaio di concentrato di pomodoro;
  • 1 spicchio di aglio;
  • olio EVO;
  • burro chiarificato q.b.;
  • sale;
In una padella antiaderente, lasciar scaldare uno spicchio di aglio in camicia con un filo di olio. Non appena l'olio sarà caldo, togliere l'aglio e aggiungere il burro chiarificato. Quando il burro sarà completamente sciolto e molto caldo, aggiungere il filetto. Far rosolare bene da entrambe le parti per sigillare la carne. Se la padella è bella calda vi basterà un minuto per lato. Mentre la carne si rosola su un lato, con l'aiuto di un cucchiaio, versate il burro sciolto sull'altro lato. Una volta sigillata bene la carne. aggiungete il pepe rosa leggermente schiacchiato, la panna e il concentrato di pomodoro. Muovete con un cucchiaio affinchè il concentrato si sciolga nella palla, conferendole quel colore aragosta e lasciate ridurre leggermente la salsa.

Canzone anni '80 per eccellenza!e poi non avevo ancora omaggiato il Duca dopo i tragici fatti.


                                                             David Bowie - Let's Dance

lunedì 18 gennaio 2016

Tartare di tonno al bergamotto

Conoscete il bergamotto? Scommeto che molti di voi non lo hanno mai sentito nominare! Ma sicuramente vi sarà capitato almeno una volta di bere un Earl Grey! Ecco...quell'aroma che sentite è il bergamotto. Non è altro che un agrume, grosso come una arancia ma al gusto più simile ad un limone. L'olio essenziale della sua scorza è molto aromatico. Per questo motivo il bergamotto è una fragranza spesso utilizzata in profumeria.  Amche il suo succo ha un sacco di proprietà benefiche: antisettico, antistress, antireumatico, cicatrizzante, antifiammatorio e addirittura sedative. Il bergamotto si trova solo tra Ottobre e Febbraio, viste le sue uniche due fioriture, e spesso è introvabile in città. Come fare per averne una piccola scorta in casa? E' molto semplice...fate come me e inviate immediatamente un ordine ai ragazzi di LOCROI
LOCROI nasce da una idea di Luca, che dopo aver viaggiato per anni tra Milano e Stati Uniti, ha deciso di tornare nella sua terra di origine, la Calabria, per produrre frutta biologica al 100%, rispettando e valorizzando il territorio e le persone che ci lavorano. Tramite LOCROI, puoi infatti ordinare gli agrumi che preferisci, e in 48h saranno disponibili a casa vostra regalandovi così l'esperienza unica di mangiare frutta ottima e soprattutto genuina.



Ingredienti:

  • 150 gr di tonno rosso abbattuto;
  • radicchi rosa q.b.
  • 1/2 bergamotto Locroi;
  • 1 uovo;
  • olio di semi q.b.,
  • olio EVO;
  • aceto balsamico;
  • sale e pepe;
Tagliare a cubetti il tonno e marinarlo con un filo di olio EVO, un pizzico di sale e di pepe. Intanto preparare la maionese rompendo un uovo all'interno del bicchiere di un mixer ad immersione. Aggiungiamo un pizzico di sale e il succo di mezzo bergamotto stando attenti ad evitare i semi. Cominciate a frullare e una volta amalgamato il tutto versate l'olio di semi a filo, continuando a frullare e ad incorporare aria, In poco tempo la maionese verrà in automatico bella compatta. Condire il radicchio rosa con un filo di olio e qualche goccia di balsamico. Servire il tonno con una generosa pennellata di maionese al bergamotto e qualche foglia di insalata.

Anche se il sapore del bergamotto è molto meno aspro di quello del limone, mi è venuta in mente questa canzone da abbinare al piatto!



Prozac+ - Acido Acida

Visitate il sito di LOCROI e fate subito il vostro ordine:

domenica 17 gennaio 2016

Lasagnetta al pesto

Sicuramente tra le ricette che sperimento da più tempo! Non ricordo nemmeno come è nata e a cosa mi sono ispirato! Una volta la preparavo con i fogli di pasta fresca essiccata e con il pesto Barilla. Oggi che sono bravo (me lo dico da solo), la preparo con la pasta fresca fatta in casa o comunque non secca, e il pesto fatto da me. che come sapete, è una mia specialità. Un ingrediente immancabile è la scamorza affumicata.



Ingredienti per una porzione:
  • 5 fogli di pasta fresca;
  • 5 fette sottili 1/2 cm di scamorza affumicata;
  • 1 mozzarella;
  • 5 cucchiai di pesto fresco (per la ricetta clicca qui);
  • parmigiano reggiano;
  • 1 fiocco di burro;



Tagliate la scamorza a fette e passate la mozzarella in uno schiaccia patate. La ricetta consiste solo in una composizione di ingredienti. Io di solito utilizzo delle cocotte per queste ricette monoporzioni. Per cui con un coppapasta, coppo tutti i fogli di pasta fresca della stessa dimensione della cocotto. Sul fondo della cocotte o della teglia che utilizzerete, aggiungete 1 fiocco di burro, in modo che la pasta poi non si attacchi. Componente la lasagna alternando uno strato di pasta, un cucchiaio di pesto, un po' di mozzarella schiacciata, una fettina di scamorza. Continuate fino a terminare gli ingredienti e sull'ultimo strato aggiungete anche parmigiano per gratinare in forno,
Cuocete per 15 minuti a 180-200 gradi.

Volevo abbinare un grande classico della scuola genovese a questo piatto. Poi invece ho pensato a qualcosa che sembrasse classico ma che in relatà non lo fosse. Perchè è vero che il piatto è tradizionale...ma non appena lo assaggerete troverete tutta la sua vena POP.



Grace - You Don't Own Me


martedì 12 gennaio 2016

La piadina romagnola

Potevo anche chiamarla la piadina EDO...ma poi sarebbe stato referenziale alla persona sbagliata. Perchè la ricetta non è di EDO, ristorante in cui viene proposta, ma è di Paola, la mamma del mio amico Enrico, che mi ha fatto sentire una azdora per una domenica pomeriggio. Ve lo dico subito...non è certo la ricetta più leggera che troverete sul blog. Ma il risultato è garantito. Una piada tenera, fragrante e bella saporita. Come tutti i piatti romagnoli dei resto.


Ingredienti:
  • 1 kg di farina tipo "0"
  • 200 gr di strutto;
  • 400 ml di latte intero;
  • 2 bustine di lievito istantaneo per torte salate;
  • 1 cucchiaio raso di sale;
Impastare la farina con lo strutto in una ciotola ampia. Una insalatiera andrà benissimo. Intiepidite leggermente metà del latte e scioglieteci all'interno il lievito. Aggiungete poco alla volta e continuando ad impastare il latte tiepido. Una volta aggiunto tutto il latte tiepido, cominciate con quello freddo. Non è necessario aggiungerlo tutto se capite che l'impasto è già adeguatamente morbido ed elastico. Dividete l'impasto in tante palline da 150 gr l'una e lasciatele risposare un'oretta in frigorifero prima di stenderle. Con questa dose potrete fare almeno una 20 di piade, quindi, se volete potete anche congelare qualche pallina e scongelarla all'occorrenza. Stendete la vostra piada fino a raggiungere uno spessore di 1-2 mm. Cuocetela su un testo molto carlo bucherellando di tanto in tanto quando si formano le bolle e girandola ogni tanto. Verrà una piada molto fragrante e friabile, che volendo potete anche riscaldare una volta cotta e poi raffreddata.


La canzone abbinata è davvero perfetta!!! Quando la ascoltavo da piccolo non conoscevo nemmeno il sapore della piadina romagnola. Oggi invece vorrei davvero considerare l'idea di "esportarla".



Samule Bersani - Coccodrilli

domenica 3 gennaio 2016

Sale aromatizzato al limone e menta

Non potevo mica regalare solo delle gelatine ai miei amichetti!!! Si sarebbero addolciti troppo! E poi con chi litigo io? Allora ho pensato bene di equilibrare la dolcezza delle gelatine con la sapidità del sale. Nella mia "piccola" dispensa io ho un sacco di sali aromatizzati. Il primo l'ho acquistato a Ibizia qualche anno fa ed è arricchito di petali di fiori. Mia cugina Irene mi ha regalato il sale di Cervia aromatizzato alle erbe per condire carne e pesce. Quest'estate la mia amica Totta mi ha portato invece dalla Sicilia un buonissimo sale aromatizzato al limone e uno aromatizzato all'arancia. Ho mescolato un po' di queste idee per produrne uno tutto mio da regalare. Ho cercato dei bei limoni biologici non trattati esternamente e ho utilizzato le ultime foglie verdi della mia rigogliosissima menta in giardino. Il risultato è un meraviglioso sale color giallo pastello profumatissimo, perfetto per condire pesce e crostacei al forno o alla griglia.



Ingredienti per 1 Kg di sale aromatizzato:

  • 1 kg di fleur de sel biologico;
  • 5 limoni biologici non trattati esternamente;
  • 5 rametti di menta (20-30 foglie);
Lavate bene la frutta per pulire perfettamente la buccia. Grattugiate la scorza dei limoni facendo attenzione a non grattugiare la parte bianca dell'agrume. Una volta grattugiata la scorza, non lasciatela a contatto con l'aria perchè gli olii essenziali si asciugherebbero e la fragranza andrebbe persa. Sfogliate i rametti di menta, lavate bene le foglie e asciugatele. In un mixer capiente, versate il sale, la scorza di limone e le foglie di menta. Frullate per un minuto. Il colore deve essere uniforme come in foto. Preriscaldate il forno a 100 gradi. Una volta raggiunta la temperatura spegnete il forno. Svuotate il mixer in una teglia e fate asciugare il sale in forno con lo sportello leggermente aperto per 15-20 secondi. Versate il sale in barattolini ben lavati e sterilizzati e con la chiusura sigillata, in modo da preservare tutto il profumo. 



Un grande classico per questa ricetta del vecchietto più POP della musica italiana! Ed è anche una delle prime canzoni che mi ricordi della mia infanzia...mia madre la cantava!Io sono molto più giovane!

Gino Paoli - Sapore di sale
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pagina Facebook