martedì 6 settembre 2016

Filetto di maiale ai funghi

Oggi mangiamo un po' di carne...dopo tutto il pesce che ci siamo mangiati questa estate. Dobbiamo variare la nostra dieta e diciamo....anche risparmiare un po'. Per cui vi propongo una ricetta leggera, economica e molto facile. Il segreto del piatto sta nella cottura della carne. Molte volte sbagliamo nel pensare che la carne di maiale sia la più facile da cucinare solo e soltanto perchè va cotta bene. Ma "cuocere bene" la carne non significa stracuocerla. Piuttosto significa indovinare il punto di cottura ottimale affinchè il prodotto non risulti crudo o secco, duro o gommoso. Il filetto di maiale deve rimanere un pelo rosato. Non al sangue. Assolutamente. Ma rosato. Il filetto poi è un pezzo molto versatile. Può essere abbinato a verdure di ogni tipo, ma anche frutta. Io lo preparo anche con le pesche (http://ziggyinthekitchen.blogspot.it/2015/09/filetto-di-maiale-alle-pesche.html) o con le albicocche (http://ziggyinthekitchen.blogspot.it/2015/01/filetto-di-maiale-alle-albicocche.html). Oggi lo prepariamo con i funghi, che essendo di stagione sono buoni e costano poco. A meno che voi non scegliate i porcini.



Ingredienti:

  • 1 filetto di maiale da 400 grammi;
  • 200 gr di funghi freschi;
  • 1/2 bicchierino di rum;
  • 1 spicchio di aglio;
  • salvia;
  • burro q.b.;
  • olio EVO;
  • sale e pepe;
Cominciamo con la preparazione della carne. Prendete il vostro filetto e pulitelo delle parti grasse e fibrose laddove ce ne dovessero essere. Salate e pepate il filetto, massaggiatelo con le mani, e avvolgetelo prima nella stagnola con qualche folgia di salvia e poi nella pellicola trasparente. Fatelo cuocere come un cotechino in abbondantr acqua salata per 15 minuti. Una volta tolto dall'acqua, lasciatelo riposare 5 minuti in modo che la carne assorba di nuovo i suoi succhi. Nel frattempo pulite i funghi con delicatezza e tagliateli a fettine. Il fungo è una piccola spugna, per cui quando lo lavate non fatelo con moltissima acqua. Sarebbe preferibile un panno bagnato. In una padella far dorare uno spicchio di aglio e aggiungere il fungo a fettine, Salate subito in modo che perdano la loro acqua di vegetazione e non soffriggano. I funghi vanno cotti poco, pochissimo, Non appena si saranno appassiti, sfumate con il rum, fatelo evaporare così da creare una salsina e spegnete il fuoco. Torniamo al nostro maiale. Togliete la pellicola e la carta stagnola e in una padella, fate sciogliere una noce di burro. Aggiungete a piacere qualche grano di pepe e fate rosolare a fuoco vivo il filetto per ultimarne la cottura. Tagliate la carne in medaglioni e servite nappando con la salsa di funghi e i funghi.


Come primo post di settembre non potevo che abbinare questa canzone...

Alberto Fortis - Settembre

venerdì 2 settembre 2016

Sardoncini scottadito

Siete tornati dalle ferie? Bhè io purtroppo si...Le mie due settimane estive sono state estremamente rilassanti e veramente piacevoli. Sarà stato il mare..sarà stato il tramonto della sassonia di Fano...saranno state le sarde? Questa estate ho sdoganato uno dei 3 alimenti che fino ad oggi non mangiavo in assoluto: il finocchio. Un giorno a pranzo, nel mitico barettino "Polvere di Cafè" dei bagni 5 tra Fano e Pesaro ho ordinato "sardoncini scottadito". Una tipica ricetta delle mie zone di origine. Si tratta di sardoncini gratinati al forno con una leggere panatura. Ognuno poi condisce il pane con le erbe e gli aromi che preferisce. In questo caso la panatura era aromatizzata con il finocchietto selvatico, e in abbinamento, il contorno del pesce erano finocchi. Ma non i soliti finocchi cotti lessi o al forno. Croccanti e saporiti!!! Per cui ho deciso di riproporli anche ai miei ospiti...ed è stata una cosa molto gradita.



Ingredienti:

  • 500 gr di sarde;
  • 200 gr di pane grattugiato;
  • 1 finocchio;
  • finocchio selvatico;
  • 1 o 2 cucchiai di parmigiano reggiano
  • olio EVO;
  • sale e pepe;

Tagliare il finocchio a fettine strette e sottili. Ungere una teglia con dell'olio e adagiare i finocchi. Salate e pepate e infornate a 250° forno ventilato per 15-20 minuti. Preparate nel frattempo una panatura mescolando il pane, il formaggio, sale, pepe, 3 cucchiai di olio e ciuffetti di finocchio selvatico. Pulite le sarde staccando loro la testa ed eviscerandole. Se avete un pescivendolo di fiducia, fatelo fare a lui. Eviterete uno sgradevole odore sulle mani. Rovesciate la panatura in una ciotola con le sarde e mescolate tutto molto bene, in modo che il pane di attacchi dappertutto intorno alle sarde. Adagiate le sarde sopra il finocchio in forno, condite con altri rametti di finocchio selvatico e con un altro giro di olio. Infornate per altri 30-35 minuti. Una volta che la panatura risulterà bella colorata e croccante, le sarde saranno pronte.

Piatto della mia estate, canzone della mia estate. Un po' malinconica...ma io sono malinconico!!


Charlie Puth feat Selena Gomez - We don't talk anymore


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pagina Facebook